martedì 1 marzo 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 250 – Parte V.



YOUCAT Domanda n. 250 - Parte V.


(Risposta Youcat - ripetizione) I sacerdoti dell'Antica Alleanza concepivano il loro ruolo come un'intermediazione fra il cielo e la terra, fra Dio e il suo popolo. Poiché Cristo «è l'unico mediatore fra Dio e gli uomini» (1 Tm 2, 5), egli ha portato a compimento e concluso questo sacerdozio. Dopo Cristo ci può essere sacerdozio solo in Cristo, nel sacrificio di Cristo sulla croce e con la vocazione e la missione apostolica di Cristo.    

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1547) Il sacerdozio ministeriale o gerarchico dei vescovi e dei sacerdoti e il sacerdozio comune di tutti i fedeli, anche se “l'uno e l'altro, ognuno a suo proprio modo, partecipano all'unico sacerdozio di Cristo”, differiscono tuttavia essenzialmente, pur essendo “ordinati l'uno all'altro” [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 10]. In che senso? Mentre il sacerdozio comune dei fedeli si realizza nello sviluppo della grazia battesimale - vita di fede, di speranza e di carità, vita secondo lo Spirito - il sacerdozio ministeriale è al servizio del sacerdozio comune, è relativo allo sviluppo della grazia battesimale di tutti i cristiani. E' uno dei mezzi con i quali Cristo continua a costruire e a guidare la sua Chiesa. Proprio per questo motivo viene trasmesso mediante un sacramento specifico, il sacramento dell'Ordine.  

Per meditare

(Commento Youcat) Un sacerdote cattolico che amministra i Sacramenti non opera in forza di un potere proprio né della sua eccellenza morale (che a volte, purtroppo, neppure possiede), ma opera «in persona Christi»; con l'ordinazione egli acquisisce la forza di Cristo che trasforma, che sana e che salva. Poiché un sacerdote non ha niente che gli sia proprio, è solo un servitore; il segno distintivo di ogni sacerdote è quindi un'umile meraviglia per la propria vocazione.   

(Commento CCC) (CCC 1548 b)  Cristo è la fonte di ogni sacerdozio: infatti il sacerdote della Legge [antica] era figura di lui, mentre il sacerdote della nuova Legge agisce in persona di lui” [San Tommaso d'Aquino, Summa theologiae, III, 22, 4, c]. (Continua)

(Continua la domanda: In che modo la Chiesa intende il sacramento dell'ordine?)


Nessun commento: