sabato 23 aprile 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 274



YOUCAT Domanda n. 274 - Parte II. Qual è l'importanza della cosiddetta pietà popolare?


(Risposta Youcat – ripetizione) La pietà popolare, che si esprime nel culto delle Reliquie, nelle processioni, nei pellegrinaggi e nelle preghiere è una forma importante dell' inculturazione della fede, ed è buona fin tanto che rimane nell'alveo della Chiesa, finché guida a Cristo e non pretende di guadagnarsi il cielo con le opere senza la grazia di Dio.       

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1676 b) Questa saggezza è un umanesimo cristiano che afferma radicalmente la dignità di ogni essere in quanto figlio di Dio, instaura una fraternità fondamentale, insegna a porsi in armonia con la natura e anche a comprendere il lavoro, e offre motivazioni per vivere nella gioia e nella serenità, pur in mezzo alle traversie dell'esistenza. Questa saggezza è anche, per il popolo, un principio di discernimento, un istinto evangelico che gli fa spontaneamente percepire quando il Vangelo è al primo posto nella Chiesa, o quando esso è svuotato del suo contenuto e soffocato da altri interessi [III Conferencia General del Episcopato Latinoamericano, Puebla. La Evangelización en el presente y en el futuro de América Latina, 448 (Bogotá 1979); cf. Paolo VI, Esort. ap. Evangelii nuntiandi, 48].     

Per meditare

(Commento CCC) (CCC 1675) Queste espressioni sono un prolungamento della vita liturgica della Chiesa, ma non la sostituiscono: “Bisogna che tali esercizi, tenuto conto dei tempi liturgici, siano ordinati in modo da essere in armonia con la sacra liturgia, derivino in qualche modo da essa, e ad essa, data la sua natura di gran lunga superiore, conducano il popolo cristiano” [Conc. Ecum. Vat. II, Sacrosanctum concilium, 13]. 

(Prossima domanda: È lecito il culto delle reliquie?)

Nessun commento: