mercoledì 6 aprile 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 266




YOUCAT Domanda n. 266 - Parte I. Come viene celebrato il matrimonio cristiano?


(Risposta Youcat) Un matrimonio deve di norma avvenire in maniera pubblica; si chiede ai fidanzati se desiderano sposarsi; quindi il Sacerdote o il Diacono benedice gli anelli; gli sposi si scambiano l'anello e si promettono l'un l'altro «la fedeltà nella buona e nella cattiva sorte, nella salute e nella malattia», e si promettono !'un l'altro: «ti amerò, ti rispetterò, ti onorerò per tutti i giorni della mia vita». Il celebrante ratifica il matrimonio e impartisce la sua Benedizione

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1621) Nel rito latino, la celebrazione del Matrimonio tra due fedeli cattolici ha luogo normalmente durante la Santa Messa, a motivo del legame di tutti i sacramenti con il Mistero pasquale di Cristo [Conc. Ecum. Vat. II, Sacrosanctum concilium, 61]. Nell'Eucaristia si realizza il memoriale della Nuova Alleanza, nella quale Cristo si è unito per sempre alla Chiesa, sua diletta Sposa per la quale ha dato se stesso [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 6]. E' dunque conveniente che gli sposi suggellino il loro consenso a donarsi l'uno all'altro con l'offerta delle loro proprie vite, unendola all'offerta di Cristo per la sua Chiesa, resa presente nel sacrificio eucaristico, e ricevendo l'Eucaristia, affinché, nel comunicare al medesimo Corpo e al medesimo Sangue di Cristo, essi “formino un corpo solo” in Cristo [1Cor 10,17].     

Per meditare

(Commento Youcat)Durante la celebrazione del matrimonio la Chiesa chiede agli sposi: «N. e N., siete venuti a celebrare il Matrimonio senza alcuna costrizione, in piena libertà e consapevoli del significato della vostra decisione?». Gli sposi rispondono: «Sì». «Siete disposti, seguendo la via del Matrimonio, ad amarvi e a onorarvi l'un l'altro per tutta la vita?». Gli sposi rispondono: «Sì». La domanda che segue in alcuni casi si può omettere, ad esempio quando gli sposi sono avanzati in età. «Siete disposti ad accogliere con amore i figli che Dio vorrà donarvi e ad educarli secondo la legge di Cristo e della sua Chiesa?». Gli sposi rispondono: «Sì».

(Commento CCC) (CCC 1622) “In quanto gesto sacramentale di santificazione, la celebrazione liturgica del Matrimonio […] deve essere per sé valida, degna e fruttuosa” [Giovanni Paolo II, Esort. ap. Familiaris consortio, 67]. Conviene quindi che i futuri sposi si dispongano alla celebrazione del loro Matrimonio ricevendo il sacramento della Penitenza.     

(Continua la domanda: Come viene celebrato il matrimonio cristiano?)