domenica 15 maggio 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 287



YOUCAT Domanda n. 287 - La libertà non consiste anche nella possibilità di scegliere il male?


(Risposta Youcat) Il male è solo apparentemente desiderabile, e scegliere il male ci rende solo apparentemente liberi. Il male non ci rende felici, ma ci priva del vero bene, ci lega a qualcosa di vano e, infine, distrugge la nostra libertà.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1744) La libertà è il potere di agire o di non agire e di porre così da se stessi azioni libere. Essa raggiunge la perfezione del suo atto quando è ordinata a Dio, Bene supremo. (CCC 415) “Costituito da Dio in uno stato di giustizia, l'uomo però, tentato dal maligno, fin dagli inizi della storia abusò della sua libertà, erigendosi contro Dio e bramando di conseguire il suo fine al di fuori di Dio” [Conc. Vat. II, Gaudium et spes, 13]. (CCC 416) Per il suo peccato, Adamo, in quanto primo uomo, ha perso la santità e la giustizia originali che aveva ricevute da Dio non soltanto per sé, ma per tutti gli esseri umani.  

Per meditare

(Commento Youcat) Il fenomeno è evidente nel caso delle dipendenze: per esse l'uomo vende la propria libertà per qualcosa che gli sembra buono, e in realtà diviene schiavo. Il vero stato di libertà consiste nel poter sempre acconsentire al bene, quando nessuna ossessione, nessuna costrizione e nessuna abitudine ci impedisce di scegliere e di fare ciò che è giusto e buono; una decisione a favore del bene è sempre una decisione in direzione di Dio.   

(Commento CCC) (CCC 417) Adamo ed Eva hanno trasmesso alla loro discendenza la natura umana ferita dal loro primo peccato, privata, quindi, della santità e della giustizia originali. Questa privazione è chiamata “peccato originale”. (CCC 418) In conseguenza del peccato originale, la natura umana è indebolita nelle sue forze, sottoposta all'ignoranza, alla sofferenza, al potere della morte, e inclinata al peccato (inclinazione che è chiamata “concupiscenza”). (CCC 420) La vittoria sul peccato riportata da Cristo ci ha donato beni migliori di quelli che il peccato ci aveva tolto: “Laddove è abbondato il peccato, ha sovrabbondato la grazia” (Rm 5,20).

(Prossima domanda: L'uomo è responsabile di tutto quello che compie?)