giovedì 1 settembre 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 335



YOUCAT Domanda n. 335 - Qual è il significato della Legge dell'Antico Testamento?


(Risposta Youcat) Nella «Legge» (la Thora) e nel suo fulcro, ovvero nei dieci comandamenti (Decalogo) il volere di Dio si mostra al popolo di Israele; seguire la Thora è per Israele la via più importante per la salvezza. I cristiani sanno che con la «Legge» si apprende come bisogna comportarsi; ma sanno anche che la salvezza non è nella «Legge».       

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1964 a) La Legge antica è una preparazione al Vangelo. “La Legge è profezia e pedagogia delle realtà future” [Sant'Ireneo di Lione, Adversus haereses, 4, 15, 1]. Essa profetizza e presagisce l'opera della liberazione dal peccato che si compirà con Cristo, ed offre al Nuovo Testamento le immagini, i “tipi”, i simboli per esprimere la vita secondo lo Spirito. La Legge infine viene completata dall'insegnamento dei libri sapienziali e dei profeti, che la orientano verso la Nuova Alleanza e il regno dei cieli. “Ci furono […], nel regime dell'Antico Testamento, anime ripiene di carità e della grazia dello Spirito Santo, le quali aspettavano soprattutto il compimento delle promesse spirituali ed eterne. Sotto tale aspetto, costoro appartenevano alla nuova Legge. Al contrario, anche nel Nuovo Testamento ci sono uomini carnali, che ancora non hanno raggiunto la perfezione della nuova Legge, e che bisogna indurre alle azioni virtuose con la paura del castigo o con la promessa di beni temporali.      

Per meditare

(Commento Youcat) Ogni uomo sperimenta prima o dopo che il bene è in certo qual modo «prescritto», ma che non si ha la forza di compierlo, tanta è la sua difficoltà, e che ci si trova in uno stato di impasse (Rm 8, 3 e Rm 7,14-25). Quando si esamina la Legge si ha la sensazione di essere consegnati al peccato: quindi è proprio grazie alla Legge che diviene chiaro con quale urgenza siamo rinviati alla potenza interiore per il compimento della Legge; per questo la Legge, per quanto buona e importante, prepara solo alla fede nel Dio salvatore.    

 (Commento CCC) (CCC 1964 b) Però, la Legge antica, anche se dava i precetti della carità, non era in grado di offrire la grazia dello Spirito Santo, in virtù del quale “l'amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori” (Rm 5,5; San Tommaso d'Aquino, Summa theologiae, I-II, 107, 1, ad 2). (CCC 1981) La Legge di Mosè comprende molte verità naturalmente accessibili alla ragione. Dio le ha rivelate perché gli uomini non riuscivano a leggerle nel loro cuore. (CCC 1982) La Legge antica è una preparazione al Vangelo.         

(Prossima domanda: Qual è il rapporto di Gesù con la Legge dell'Antica Alleanza?)