giovedì 16 marzo 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 376 – Parte II.



YOUCAT Domanda n. 376 – Parte II. Quali sono i compiti dei cittadini nei confronti dello Stato?


(Risposta Youcat – ripetizione) Ogni cittadino è tenuto a collaborare con onestà con gli organi dello Stato e a contribuire in sincerità, giustizia, libertà e solidarietà al Bene comune.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 2240) La sottomissione all'autorità e la corresponsabilità nel bene comune comportano l'esigenza morale del versamento delle imposte, dell'esercizio del diritto di voto, della difesa del paese: “Rendete a ciascuno ciò che gli è dovuto: a chi il tributo il tributo; a chi le tasse le tasse; a chi il timore il timore; a chi il rispetto, il rispetto” (Rm 13,7 ). I cristiani “abitano nella propria patria, ma come pellegrini; partecipano alla vita pubblica come cittadini, ma da tutto sono staccati come stranieri... Obbediscono alle leggi vigenti, ma con la loro vita superano le leggi... Così eccelso è il posto loro assegnato da Dio, e non è lecito disertarlo” [Lettera a Diogneto, 5, 5; 10; 6, 10]. L'Apostolo ci esorta ad elevare preghiere ed azioni di grazie “per i re e per tutti quelli che stanno al potere, perché possiamo trascorrere una vita calma e tranquilla con tutta pietà e dignità” (1Tm 2,2).   

Per meditare

(Commento Youcat) Anche un cristiano deve amare la propria patria, difenderla in vari modi in caso di necessità e mettersi volentieri a servizio delle istituzioni pubbliche; deve esercitare il diritto di voto attivo e passivo e non sottrarsi ad una giusta tassazione. Tuttavia il singolo cittadino resta all'interno dello Stato un'entità libera e dotata dei fondamentali diritti elementari; ha diritto alla critica costruttiva allo Stato e ai suoi organi. Lo Stato esiste per le persone singole, e non le persone per lo Stato.

(Commento CCC) (CCC 2245) “La Chiesa, che a motivo della sua missione e della sua competenza, non si confonde in alcun modo con la comunità politica, […] è ad un tempo il segno e la salvaguardia del carattere trascendente della persona umana” [Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes, 76]. La Chiesa “rispetta e promuove anche la libertà politica e la responsabilità dei cittadini” [Ib.]. 

(Continua la domanda: Quali sono i compiti dei cittadini nei confronti dello Stato?)