mercoledì 17 maggio 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 395



YOUCAT Domanda n. 395 – Che cos'è la pace?


(Risposta Youcat) La pace è la conseguenza della giustizia e il segno dell'amore realizzato; laddove c'è la pace «ogni creatura può raggiungere la tranquillità in maniera ordinata» (Tommaso d'Aquino); la pace sulla terra è l'immagine della pace di Cristo che ha riconciliato il cielo e la terra.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 2304) Il rispetto e lo sviluppo della vita umana richiedono la pace. La pace non è la semplice assenza della guerra e non può ridursi ad assicurare l'equilibrio delle forze contrastanti. La pace non si può ottenere sulla terra senza la tutela dei beni delle persone, la libera comunicazione tra gli esseri umani, il rispetto della dignità delle persone e dei popoli, l'assidua pratica della fratellanza. E' la “tranquillità dell'ordine” [Sant'Agostino, De civitate Dei, 19, 13: PL 41, 640]. E' frutto della giustizia (Is 32,17) ed effetto della carità [Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes, 78]. 

Per meditare

(Commento Youcat) La pace è ben più dell'assenza di guerra; è anche più di un equilibrio di forze («equilibrio del terrore») sapientemente bilanciato. In uno stato di pace gli uomini possono vivere in sicurezza con la proprietà che si sono giustamente guadagnati e possono operare un libero scambio fra loro; in stato di pace viene rispettata la dignità così come il diritto di autodeterminazione del singolo e anche dei popoli interi; in stato di pace tutto ciò che è umano è improntato alla solidarietà reciproca.

(Commento CCC) (CCC 2305) La pace terrena è immagine e frutto della pace di Cristo, il “Principe della pace” messianica (Is 9,5). Con il sangue della sua croce, egli ha distrutto in se stesso l'inimicizia [Ef 2,16; Col 1,20-22], ha riconciliato gli uomini con Dio e ha fatto della sua Chiesa il sacramento dell'unità del genere umano e della sua unione con Dio [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 1]. “Egli è la nostra pace” (Ef 2,14). E proclama: “Beati gli operatori di pace” (Mt 5,9).

(Prossima domanda: Come reagisce un cristiano di fronte all'ira?)