martedì 25 settembre 2012

Gaudium et spes n. 40 e commento CCC



Capitolo IV

La missione della chiesa nel mondo contemporaneo

40. Mutua relazione tra Chiesa e mondo.

Dialogo fra Chiesa e mondo: dignità della persona e significato dell’attività

[n. 40a] Tutto quello che abbiamo detto a proposito della dignità della persona umana, della comunità degli uomini, del significato profondo, costituisce il fondamento del rapporto tra Chiesa e mondo, come pure la base del dialogo fra loro (81). In questo capitolo, pertanto, presupponendo tutto ciò che il Concilio ha già insegnato circa il mistero della Chiesa, si viene a prendere in considerazione la medesima Chiesa in quanto si trova nel mondo e insieme con esso vive ed agisce.

Note: (81) Cf. PAOLO VI, Encicl. Ecclesiam Suam, III: AAS 56 (1964), pp. 637-659.

(CCC 747) Lo Spirito Santo, che Cristo, Capo, diffonde nelle sue membra, edifica, anima e santifica la Chiesa, sacramento della comunione della Santissima Trinità e degli uomini. (CCC 737) La missione di Cristo e dello Spirito Santo si compie nella Chiesa, Corpo di Cristo e tempio dello Spirito Santo. Questa missione congiunta associa ormai i seguaci di Cristo alla sua comunione con il Padre nello Spirito Santo: lo Spirito prepara gli uomini, li previene con la sua grazia per attirarli a Cristo. Manifesta loro il Signore risorto, ricorda loro la sua parola, apre il loro spirito all'intelligenza della sua morte e risurrezione. Rende loro presente il mistero di Cristo, soprattutto nell'Eucaristia, al fine di riconciliarli e di metterli in comunione con Dio perché portino “molto frutto” (Gv 15,5.8.16).  

Nessun commento: