martedì 29 settembre 2015

Commento CCC a YouCat Domanda n. 186 - Parte I.



YOUCAT Domanda n. 186 - Parte I. Che cos’è l’anno liturgico (o ecclesiastico) ?


(Risposta Youcat) L’anno liturgico o anno ecclesiastico è la sovrapposizione dei misteri della vita di Cristo (dall’Incarnazione fino al suo ritorno nella gloria) al corso normale dell’anno. L’anno liturgico comincia con l’Avvento, con il tempo cioè dell’attesa del Signore, tocca il suo primo vertice durante il ciclo delle festività natalizie e il suo secondo ancor più importante vertice nella festa pasquale della passione redentrice, della morte e della risurrezione di Cristo. Il tempo pasquale termina con la festa di Pentecoste, l’effusione dello Spirito Santo sulla Chiesa. Punteggiano l’anno liturgico le feste mariane e le feste dei santi, nelle quali la Chiesa loda la grazia di Dio che ha guidato gli uomini fino alla santità.  .  

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1168) A partire dal Triduo Pasquale, come dalla sua fonte di luce, il tempo nuovo della risurrezione permea tutto l'anno liturgico del suo splendore. Progressivamente, da un versante e dall'altro di questa fonte, l'anno è trasfigurato dalla liturgia. Essa costituisce realmente l'anno di grazia del Signore (Lc 4,19). L'Economia della salvezza è all'opera nello svolgersi del tempo, ma dopo il suo compimento nella pasqua di Gesù e nell'effusione dello Spirito Santo, la conclusione della storia è anticipata, “pregustata”, e il regno di Dio entra nel nostro tempo. 

Per meditare

(Commento CCC) (CCC 1169) Per questo la Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre: è la “festa delle feste”, la “solennità delle solennità”, come l'Eucaristia è il sacramento dei sacramenti (il grande sacramento). Sant'Atanasio la chiama “la grande domenica” [Sant'Atanasio di Alessandria, Epistula festivalis, 1 (anno 329), 10: PG 26, 1366], come la Settimana santa in Oriente è chiamata “la grande Settimana”. Il mistero della risurrezione, nel quale Cristo ha annientato la morte, permea della sua potente energia il nostro vecchio tempo, fino a quando tutto gli sia sottomesso. (Continua)

(Continua la domanda: Che cos’è l’anno liturgico (o ecclesiastico)?)

Nessun commento: