sabato 21 novembre 2015

Commento CCC a YouCat Domanda n. 204 - Parte I.




YOUCAT Domanda n. 204 - Parte I.  Cosa dice la Sacra Scrittura del sacramento della confermazione?


(Risposta Youcat) Già nell’Antico Testamento il popolo di Dio attendeva l’effusione dello Spirito Santo sugli uomini. Gesù visse in un particolare spirito di amore e di unione perfetta con il Padre celeste. Questo Spirito di Gesù era lo Spirito Santo che il popolo di Israele desiderava, ed era lo stesso Spirito che Gesù promise ai suoi discepoli, che 50 giorni dopo Pasqua, a Pentecoste, scese su di loro. Ed è ancora questo Spirito Santo di Gesù che scende su chiunque riceva il Sacramento della Confermazione.     

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1285) Con il Battesimo e l'Eucaristia, il sacramento della Confermazione costituisce l'insieme dei “sacramenti dell'iniziazione cristiana”, la cui unità deve essere salvaguardata. E' dunque necessario spiegare ai fedeli che la recezione di questo sacramento è necessaria per il rafforzamento della grazia battesimale [Rito della Confermazione, Premesse, 1]. Infatti, “con il sacramento della Confermazione [i battezzati] vengono vincolati più perfettamente alla Chiesa, sono arricchiti di una speciale forza dallo Spirito Santo, e in questo modo sono più strettamente obbligati a diffondere e a difendere con la parola e con l'opera la fede come veri testimoni di Cristo” [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 11; Rito della Confermazione, Premesse, 2].

Per meditare

(Commento Youcat) Già negli Atti degli Apostoli, che furono scritti pochi decenni dopo la morte di Gesù, vediamo Pietro e Giovanni in «missione»: ai nuovi cristiani, che erano stati solo battezzati nel nome del Signore Gesù, i due imponevano le mani perché il loro cuore venisse riempito dallo Spirito Santo.      

(Commento CCC) (CCC 1286) Nell'Antico Testamento, i profeti hanno annunziato che lo Spirito del Signore si sarebbe posato sul Messia atteso [Is 11,2] in vista della sua missione salvifica [Lc 4,16-22; Is 61,1]. La discesa dello Spirito Santo su Gesù, al momento del suo Battesimo da parte di Giovanni, costituì il segno che era lui che doveva venire, che egli era il Messia, il Figlio di Dio [Mt 3,13-17; Gv 1,33-34]. Concepito per opera dello Spirito Santo, tutta la sua vita e la sua missione si svolgono in una totale comunione con lo Spirito Santo che il Padre gli dà “senza misura” (Gv 3,34). (Continua)

(Continua la domanda: Cosa dice la Sacra Scrittura del sacramento della confermazione?)

Nessun commento: