venerdì 5 febbraio 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 236 – Parte III.




YOUCAT Domanda n. 236 – Parte III. Perché solo i sacerdoti possono rimettere i peccati?


(Risposta Youcat - ripetizione) Nessun uomo può rimettere i peccati, a meno che non abbia ricevuto da Dio l'incarico e il potere affinché l'assoluzione impartita al penitente sia realmente efficace. Per questo sacramento è ordinato in primo luogo il Vescovo, e in secondo luogo i suoi collaboratori, sacerdoti.     

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1465) Celebrando il sacramento della Penitenza, il sacerdote compie il ministero del buon pastore che cerca la pecora perduta, quello del buon Samaritano che medica le ferite, del padre che attende il figlio prodigo e lo accoglie al suo ritorno, del giusto giudice che non fa distinzione di persone e il cui giudizio è ad un tempo giusto e misericordioso. Insomma, il sacerdote è il segno e lo strumento dell'amore misericordioso di Dio verso il peccatore.

Per meditare

(Commento CCC) (CCC 1466) Il confessore non è il padrone, ma il servitore del perdono di Dio. Il ministro di questo sacramento deve unirsi all'intenzione e alla carità di Cristo [Conc. Ecum. Vat. II, Presbyterorum ordinis, 13]. Deve avere una provata conoscenza del comportamento cristiano, l'esperienza delle realtà umane, il rispetto e la delicatezza nei confronti di colui che è caduto; deve amare la verità, essere fedele al Magistero della Chiesa e condurre con pazienza il penitente verso la guarigione e la piena maturità. Deve pregare e fare penitenza per lui, affidandolo alla misericordia del Signore.   

(Prossima domanda: Ci sono peccati tanto gravi da non poter essere rimessi da un normale sacerdote?)