domenica 13 marzo 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 257



YOUCAT Domanda n. 257 - II fatto che siano solo gli uomini a poter ricevere il sacramento dell'ordine non svaluta forse la figura femminile?


(Risposta Youcat) La disposizione per cui solo gli uomini possono ricevere l'ordinazione non è una svalutazione della figura femminile. L'uomo e la donna hanno la stessa dignità davanti a Dio, ma hanno diversi compiti e diversi Carismi; la Chiesa si sente vincolata dal fatto che Gesù, nell'atto di istituire il sacerdozio durante l'ultima cena, scelse esclusivamente uomini. Nel 1994 papa Giovanni Paolo II spiegò che «la Chiesa non ha il potere di ordinare al sacerdozio le donne... e che tutti i fedeli della Chiesa devono attenersi definitivamente a questa decisione».

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1577) “Riceve validamente la sacra ordinazione esclusivamente il battezzato di sesso maschile ["vir"]” [CIC canone 1024]. Il Signore Gesù ha scelto degli uomini ["viri"] per formare il collegio dei dodici Apostoli [Mc 3,14-19, Lc 6,12-16], e gli Apostoli hanno fatto lo stesso quando hanno scelto i collaboratori [1Tm 3,1-13; 2Tm 1,6; Tt 1,5-9] che sarebbero loro succeduti nel ministero [S. Clemente Romano, Epistula ad Corinthios, 42, 4; 44, 3]. Il collegio dei Vescovi, con i quali i presbiteri sono uniti nel sacerdozio, rende presente e attualizza fino al ritorno di Cristo il collegio dei Dodici. La Chiesa si riconosce vincolata da questa scelta fatta dal Signore stesso. Per questo motivo l'ordinazione delle donne non è possibile [Giovanni Paolo II, Lett. ap. Mulieris dignitatem, 26-27; Congregazione per la Dottrina della Fede, Dich. Inter insigniores: AAS 69 (1977), 98-116; Id., Risposta al dubbio circa la dottrina della Lett. ap. “Ordinatio sacerdotalis” AAS 87 (1995) 1114]

Per meditare

(Commento Youcat) Gesù ha rivalutato la donna contro la cultura e la prassi del suo tempo, ha donato la propria amicizia e protetto le donne come nessun altro uomo dell'antichità; fra i suoi seguaci c'erano anche donne e Gesù aveva grande stima della loro fede; inoltre è una donna la prima testimone della risurrezione, e per questo Maria Maddalena è chiamata «apostolo degli Apostoli»; eppure il sacerdozio ministeriale e l'ufficio pastorale vennero sempre affidati solo agli uomini, per cui è necessario che la comunità trovi Gesù Cristo rappresentato da Sacerdoti  uomini. La figura sacerdotale è un servizio particolare che richiede l'uomo anche nel suo ruolo virile e paterno, non si tratta quindi di un privilegio maschile nei confronti delle donne. Le donne, come vediamo nel caso di Maria, occupano nella Chiesa un ruolo che non è meno centrale di quello maschile, si tratta però di un ruolo femminile. Eva fu la madre di tutti i viventi (Gen 3, 20); in quanto «madri di tutti i viventi» le donne hanno doni e capacità particolari. Senza il loro modo di insegnare, di annunciare il Vangelo, senza la loro carità, la loro Spiritualità e la loro cura pastorale la Chiesa sarebbe “paralizzata per metà”. Quando gli uomini si servono del sacerdozio come di uno strumento di potere e non lasciano entrare in azione le donne con i loro Carismi, ripudiano l’amore e lo Spirito Santo di Gesù.    

(Commento CCC)

(CCC 1578) Nessuno ha un diritto a ricevere il sacramento dell'Ordine. Infatti nessuno può attribuire a se stesso questo ufficio. Ad esso si è chiamati da Dio [Eb 5,4]. Chi crede di riconoscere i segni della chiamata di Dio al ministero ordinato, deve sottomettere umilmente il proprio desiderio all'autorità della Chiesa, alla quale spetta la responsabilità e il diritto di chiamare qualcuno a ricevere gli Ordini. Come ogni grazia, questo sacramento non può essere ricevuto che come un dono immeritato.  

(Prossima domanda: Perché la Chiesa richiede il celibato ai sacerdoti e ai vescovi?)

Nessun commento: