martedì 10 maggio 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 285



YOUCAT Domanda n. 285 - Parte I. Che cos'è la felicità eterna?


(Risposta Youcat) La felicità eterna consiste nel contemplare Dio e nell'essere accolti nella sua felicità.      

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1720) Il Nuovo Testamento usa parecchie espressioni per caratterizzare la beatitudine alla quale Dio chiama l'uomo: l'avvento del regno di Dio [Mt 4,17]; la visione di Dio: “Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio” (Mt 5,8); [1Gv 3,2; 1Cor 13,12] l'entrata nella gioia del Signore [Mt 25,21.23]; l'entrata nel riposo di Dio [Eb 4,7-11]: “Là noi riposeremo e vedremo; vedremo e ameremo; ameremo e loderemo. Ecco ciò che alla fine sarà, senza fine. E quale altro fine abbiamo, se non di giungere al regno che non avrà fine?” [Sant'Agostino, De civitate Dei, 22, 30: PL 41, 804].

Per meditare

(Commento Youcat) In Dio Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo ci sono vita, gioia e comunione senza fine; essere accolti in questa comunione significa per noi uomini una felicità inconcepibile e senza fine. Questa felicità è un puro dono della grazia di Dio che noi uomini non possiamo procurarci da soli e neppure comprendere nella sua grandezza; Dio desidera che scegliamo la nostra felicità; dobbiamo scegliere Dio in libertà, amarlo sopra ogni altra cosa, compiere il bene ed evitare il male per quanto possiamo.      

(Commento CCC) (CCC 1721) Dio infatti ci ha creati per conoscerlo, servirlo e amarlo, e così giungere in paradiso. La beatitudine ci rende “partecipi della natura divina” [2Pt 1,4] e della vita eterna [Gv 17,3]. Con essa, l'uomo entra nella gloria di Cristo [Rm 8,18] e nel godimento della vita trinitaria.
 
(Continua la domanda: Che cos'è la felicità eterna?)

Nessun commento: