domenica 29 maggio 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 294




YOUCAT Domanda n. 294 - Parte II. Si è peccatori quando si provano in sé forti passioni?


(Risposta Youcat – ripetizione) No, le passioni possono essere pulsioni di grande valore; esse, che sono fatte per compiere il bene con energia, possono spingere al male solo se male indirizzate.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1769) Nella vita cristiana, lo Spirito Santo compie la sua opera mobilitando tutto l'essere, compresi i suoi dolori, i suoi timori e le sue tristezze, come è evidente nell'agonia e nella passione del Signore. In Cristo, i sentimenti umani possono ricevere la loro perfezione nella carità e nella beatitudine divina.  (CCC 1770) La perfezione morale consiste nel fatto che l'uomo non sia indotto al bene soltanto dalla volontà, ma anche dal suo appetito sensibile, secondo queste parole del Salmo: “Il mio cuore e la mia carne esultano nel Dio vivente” (Sal 84,3).

Per meditare

(Commento Youcat) Le passioni che vengono indirizzate al bene divengono virtù: sono il carburante di una vita battagliera a favore dell'amore e della giustizia; ma se le passioni dominano l'uomo, lo privano della sua libertà e lo seducono al male, si chiamano vizi.    

(Commento CCC) (CCC 1773) Nelle passioni, intese come moti della sensibilità, non c'è né bene né male morale. Ma nella misura in cui dipendono o no dalla ragione e dalla volontà, c'è in esse il bene o il male morale. (CCC 1774) Le emozioni e i sentimenti possono essere assunti nelle virtù, o pervertiti nei vizi.  (CCC 1775) La perfezione del bene morale si ha quando l'uomo non è indotto al bene dalla sola volontà, ma anche dal suo “cuore”.

(Prossima domanda: Che cos'è la coscienza?)

Nessun commento: