giovedì 9 giugno 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 297



YOUCAT Domanda n. - 297 Parte II. Si può plasmare la propria coscienza?


(Risposta Youcat – ripetizione) Sì, e bisogna addirittura farlo. La coscienza, che è innata in ogni uomo dotato di ragione, può essere guidata in maniera errata e addirittura resa insensibile; per questo la coscienza deve costantemente essere plasmata alfine di ricavarne uno strumento sempre migliore per un corretto agire.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1784) L'educazione della coscienza è un compito di tutta la vita. Fin dai primi anni essa dischiude al bambino la conoscenza e la pratica della legge interiore, riconosciuta dalla coscienza morale. Un'educazione prudente insegna la virtù; preserva o guarisce dalla paura, dall'egoismo e dall'orgoglio, dai sensi di colpa e dai moti di compiacenza, che nascono dalla debolezza e dagli sbagli umani. L'educazione della coscienza garantisce la libertà e genera la pace del cuore.    

Per meditare

(Commento Youcat) La prima scuola della coscienza è l'autocritica, poiché noi uomini siamo inclini a emettere giudizi a nostro vantaggio; la seconda scuola della coscienza consiste nel fare riferimento alle buone azioni degli altri. Una corretta formazione della coscienza guida alla libertà di compiere il bene che si è riconosciuto come tale. Con l'aiuto dello Spirito Santo e della Scrittura, la Chiesa, nella sua lunga storia, ha accumulato un grande patrimonio di sapere in fatto di agire corretto; è parte integrante della sua missione il compito di insegnare agli uomini e di dare loro delle indicazioni.     

(Commento CCC) (CCC 1788) A tale scopo l'uomo si sforza di interpretare i dati dell'esperienza e i segni dei tempi con la virtù della prudenza, con i consigli di persone avvedute e con l'aiuto dello Spirito Santo e dei suoi doni.    

(Continua la domanda: Si può plasmare la propria coscienza?)

Nessun commento: