mercoledì 13 luglio 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 312



YOUCAT Domanda n. 312 - Come fa un uomo a riconoscere di aver peccato?


(Risposta Youcat) Un uomo sa di aver peccato grazie alla propria coscienza, che lo accusa e lo spinge a riconoscere i propri errori di fronte a Dio.     

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1797) Per l'uomo che ha commesso il male, la sentenza della propria coscienza rimane un pegno di conversione e di speranza.      

Per meditare

(Commento CCC) (CCC 1848) Come afferma san Paolo: “Laddove è abbondato il peccato, ha sovrabbondato la grazia”. La grazia però, per compiere la sua opera, deve svelare il peccato per convertire il nostro cuore e accordarci “la giustizia per la vita eterna, per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore” (Rm 5,21). Come un medico che esamina la piaga prima di medicarla, Dio, con la sua Parola e il suo Spirito, getta una viva luce sul peccato: “La conversione richiede la convinzione del peccato, contiene in sé il giudizio interiore della coscienza, e questo, essendo una verifica dell'azione dello Spirito di verità nell'intimo dell'uomo, diventa nello stesso tempo il nuovo inizio dell'elargizione della grazia e dell'amore: “Ricevete lo Spirito Santo”. Così in questo “convincere quanto al peccato” scopriamo una duplice elargizione: il dono della verità della coscienza e il dono della certezza della redenzione. Lo Spirito di verità è il Consolatore” [Giovanni Paolo II, Lett. enc. Dominum et Vivificantem, 31].       

(Prossima domanda: Perché un cristiano deve rivolgersi a Dio e chiedergli la remissione dei peccati?)