giovedì 25 agosto 2016

Commento CCC a YouCat Domanda n. 333 - Parte III.



YOUCAT Domanda n. 333 - Parte III. Esiste una legge morale naturale riconoscibile da tutti?


(Risposta Youcat – ripetizione) Dal momento che tutti gli uomini devono compiere il bene ed evitare il male, deve essere inscritta nella loro interiorità la certezza di ciò che è buono e ciò che è malvagio; difatti esiste in certo qual modo una legge morale che in via di principio può essere riconosciuta razionalmente da ogni uomo.       

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1953) La legge morale trova in Cristo la sua pienezza e la sua unità. Gesù Cristo in persona è la via della perfezione. E' il termine della Legge, perché egli solo insegna e dà la giustizia di Dio: “Il termine della legge è Cristo, perché sia data la giustizia a chiunque crede” (Rm 10,4).  1953

Per meditare

(Commento Youcat) L'Ordine morale naturale è valido per tutti: dice all'uomo quali sono i suoi diritti e doveri fondamentali e getta quindi le basi per la convivenza all'interno della famiglia, della società e dello Stato. Poiché la conoscenza naturale è spesso turbata dal peccato e dalla debolezza umana, l'uomo ha bisogno dell'aiuto di Dio e della sua Rivelazione per poter restare sulla retta via.

(Commento CCC) (CCC 1954) L'uomo partecipa alla sapienza e alla bontà del Creatore, che gli conferisce la padronanza dei suoi atti e la capacità di dirigersi verso la verità e il bene. La legge naturale esprime il senso morale originale che permette all'uomo di discernere, per mezzo della ragione, quello che sono il bene e il male, la verità e la menzogna: “La legge naturale è iscritta e scolpita nell'anima di tutti i singoli uomini; essa infatti è la ragione umana che impone di agire bene e proibisce il peccato. […] Questa prescrizione dell'umana ragione, però, non sarebbe in grado di avere forza di legge, se non è la voce e l'interprete di una ragione più alta, alla quale il nostro spirito e la nostra libertà devono essere sottomessi” [Leone XIII, Lett. enc. Libertas praestantissimum].         
 
(Continua la domanda: Esiste una legge morale naturale riconoscibile da tutti?)

Nessun commento: