giovedì 12 gennaio 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 357 – Parte III.



 

YOUCAT Domanda n.  357 – Parte III. L'ateismo è sempre un peccato contro il primo comandamento?


(Risposta Youcat – ripetizione) L’ateismo non costituisce un peccato se un uomo non ha alcuna nozione di Dio, oppure ha esaminato in coscienza la questione dell'esistenza di Dio e non riesce comunque a credere.     

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 2127) L'agnosticismo assume parecchie forme. In certi casi l'agnostico si rifiuta di negare Dio; ammette invece l'esistenza di un essere trascendente che non potrebbe rivelarsi e di cui nessuno sarebbe in grado di dire niente. In altri casi l'agnostico non si pronuncia sull'esistenza di Dio, dichiarando che è impossibile provarla, così come è impossibile ammetterla o negarla. 

Per meditare

(Commento Youcat) Il confine fra «non riuscire a credere» e «non voler credere» è tutt'altro che chiaro. Ma l'atteggiamento che esclude la fede in quanto semplicemente irrilevante senza averla esaminata da vicino è spesso peggiore dell'Ateismo meditato.

 (Commento CCC) (CCC 2128) L'agnosticismo può talvolta racchiudere una certa ricerca di Dio, ma può anche costituire un indifferentismo, una fuga davanti al problema ultimo dell'esistenza e un torpore della coscienza morale. Troppo spesso l'agnosticismo equivale a un ateismo pratico.   

(Prossima domanda: Perché l'Antico Testamento proibisce le immagini degli dèi, e perché noi cristiani, oggi, non ci atteniamo più a questo precetto?)

Nessun commento: