martedì 28 febbraio 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 371 – Parte II.



YOUCAT Domanda n. 371 – Parte II. Come deve un figlio rispettare i propri genitori?


(Risposta Youcat – ripetizione) Un figlio rispetta i propri genitori quando offre loro in cambio amore e gratitudine.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 2217) Per tutto il tempo in cui vive nella casa dei suoi genitori, il figlio deve obbedire ad ogni loro richiesta motivata dal suo proprio bene o da quello della famiglia. “Figli, obbedite ai genitori in tutto; ciò è gradito al Signore” (Col 3,20 ) [Ef 6,1]. I figli devono anche obbedire agli ordini ragionevoli dei loro educatori e di tutti coloro ai quali i genitori li hanno affidati. Ma se in coscienza sono persuasi che è moralmente riprovevole obbedire a un dato ordine, non vi obbediscano. Crescendo, i figli continueranno a rispettare i loro genitori. Preverranno i loro desideri, chiederanno spesso i loro consigli, accetteranno i loro giustificati ammonimenti. Con l'emancipazione cessa l'obbedienza dei figli verso i genitori, ma non il rispetto che ad essi è sempre dovuto. Questo trova, in realtà, la sua radice nel timore di Dio, uno dei doni dello Spirito Santo.   

Per meditare

(Commento Youcat) I figli devono essere grati ai loro genitori anche solo per aver ricevuto la vita dal loro amore; questa gratitudine crea una relazione d'amore, di rispetto, di responsabilità e di obbedienza, purché bene intesa, destinata a durare tutta la vita. I figli devono assistere i loro genitori con amore e fedeltà soprattutto nella necessità, nella malattia e nella vecchiaia.

 (Commento CCC) (CCC 2220) I cristiani devono una speciale gratitudine a coloro dai quali hanno ricevuto il dono della fede, la grazia del Battesimo e la vita nella Chiesa. Può trattarsi dei genitori, di altri membri della famiglia, dei nonni, di Pastori, di catechisti, di altri maestri o amici. “Mi ricordo della tua fede schietta, fede che fu prima nella tua nonna Lòide, poi in tua madre Eunice, e ora, ne sono certo, anche in te” (2Tm 1,5).  

(Continua la domanda: Come deve un figlio rispettare i propri genitori?)