mercoledì 1 marzo 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 371– Parte III



YOUCAT Domanda n. 371 – Parte III. Come deve un figlio rispettare i propri genitori?


(Risposta Youcat – ripetizione) Un figlio rispetta i propri genitori quando offre loro in cambio amore e gratitudine.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 2218) Il quarto comandamento ricorda ai figli divenuti adulti le loro responsabilità verso i genitori. Nella misura in cui possono, devono dare loro l'aiuto materiale e morale, negli anni della vecchiaia e in tempo di malattia, di solitudine o di indigenza. Gesù richiama questo dovere di riconoscenza [Mc 7,10-12]. “Il Signore vuole che il padre sia onorato dai figli, ha stabilito il diritto della madre sulla prole. Chi onora il padre espia i peccati, chi riverisce la madre è come chi accumula tesori. Chi onora il padre avrà gioia dai propri figli, sarà esaudito nel giorno della sua preghiera. Chi riverisce suo padre vivrà a lungo; chi obbedisce al Signore dà consolazione alla madre” (Sir 3,2-6). “Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia, non contristarlo durante la sua vita. Anche se perdesse il senno, compatiscilo e non disprezzarlo mentre sei nel pieno del vigore. […] Chi abbandona il padre è come un bestemmiatore, chi insulta la madre è maledetto dal Signore” (Sir 3,12-13.16 ). 

Per meditare

(Commento Youcat) I figli devono essere grati ai loro genitori anche solo per aver ricevuto la vita dal loro amore; questa gratitudine crea una relazione d'amore, di rispetto, di responsabilità e di obbedienza, purché bene intesa, destinata a durare tutta la vita. I figli devono assistere i loro genitori con amore e fedeltà soprattutto nella necessità, nella malattia e nella vecchiaia.

 (Commento CCC) (CCC 2219) Il rispetto filiale favorisce l'armonia di tutta la vita familiare; concerne anche le relazioni tra fratelli e sorelle. Il rispetto verso i genitori si riflette su tutto l'ambiente familiare. “Corona dei vecchi sono i figli dei figli” (Prv 17,6). “Con ogni umiltà, mansuetudine e pazienza” sopportatevi “a vicenda con amore” (Ef 4,2).    

(Prossima domanda: Come devono i genitori rispettare i propri figli?)