venerdì 28 aprile 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 384 – Parte IV.



YOUCAT Domanda n. 384 – Parte IV. Si può provocare l'aborto in caso di malformazioni?


(Risposta Youcat – ripetizione) No. Praticare l'aborto quando il bambino presenta un handicap è comunque un grave delitto, anche quando deriva dall'intenzione di risparmiare della sofferenza a questa persona.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 2273 c) Come conseguenza del rispetto e della protezione che vanno accordati al nascituro, a partire dal momento del suo concepimento, la legge dovrà prevedere appropriate sanzioni penali per ogni deliberata violazione dei suoi diritti” [Donum vitae, 3].

Per meditare

(Commento CCC) (CCC 2274) L'embrione, poiché fin dal concepimento deve essere trattato come una persona, dovrà essere difeso nella sua integrità, curato e guarito, per quanto è possibile, come ogni altro essere umano. La diagnosi prenatale è moralmente lecita, se “rispetta la vita e l'integrità dell'embrione e del feto umano ed è orientata alla sua salvaguardia o alla sua guarigione individuale […]. Ma essa è gravemente in contrasto con la legge morale quando contempla l'eventualità, in dipendenza dai risultati, di provocare un aborto: una diagnosi […] non deve equivalere a una sentenza di morte” [Congregazione per la Dottrina della Fede, Istr. Donum vitae, 1, 2].

(Prossima domanda: Si possono condurre delle ricerche su embrioni viventi o su cellule staminali embrionali?)