mercoledì 31 maggio 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 404



YOUCAT Domanda n. 404 - Che cos'è l'amore casto, e perché un cristiano deve vivere in castità?


(Risposta Youcat) Un amore casto è un amore che si difende da tutte le forze interne ed esterne che potrebbero distruggerlo; è casto chi ha accettato la propria sessualità e l'ha bene integrata nella propria personalità. Castità e continenza non sono la stessa cosa: anche chi ha una vota sessualmente attiva all'interno del matrimonio deve essere casto; una persona è casta quando le sue azioni fisiche sono espressione di un amore fedele e affidabile.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 1766) “Amare è volere il bene di qualcuno” [San Tommaso d'Aquino, Summa theologiae, I-II, 26, 4]. Qualsiasi altro affetto ha la sua sorgente in questo moto originario del cuore dell'uomo verso il bene. Non si ama che il bene [Sant'Agostino, De Trinitate, 8, 3, 4: PL 42, 949]. “Le passioni sono cattive se l'amore è cattivo, buone se l'amore è buono” [Sant'Agostino, De civitate Dei, 14, 7: PL 41, 410]. (CCC 1767) Le passioni, in se stesse, non sono né buone né cattive. Non ricevono qualificazione morale se non nella misura in cui dipendono effettivamente dalla ragione e dalla volontà. Le passioni sono dette volontarie “o perché sono comandate dalla volontà, oppure perché la volontà non vi resiste” [San Tommaso d'Aquino, Summa theologiae, I-II, 24, 1]. E' proprio della perfezione del bene morale o umano che le passioni siano regolate dalla ragione [Ib., I-II, 24, 3].

Per meditare

(Commento Youcat) La castità non va presa per sessuofobia; una persona che viva casta non è in balia dei suoi desideri, ma vive la propria sessualità in maniera consapevole dal punto vista dell'amore e come espressione di questo; il suo contrario indebolisce l'amore e ne offusca il senso. La Chiesa cattolica difende un'impostazione integrale dell'amore: a questo appartengono in primo luogo il piacere fisico, che è qualcosa di buono e di bello, in secondo luogo l'amore personale e in terzo luogo l'apertura a ricevere dei figli. La Chiesa cattolica è dell'avviso che queste tre componenti dell'amore debbano restare unite fra loro, allo stesso modo che luppolo, malto e acqua non hanno di per sé un buon sapore, finché sono separati, ma, mescolati insieme, formano la birra, che è ottima. Se un uomo avesse una donna per il piacere sessuale, una per il personale lirismo d'amore ed una per la procreazione dei figli le ridurrebbe tutte e tre a degli strumenti senza amarne veramente nessuna.  

(Commento CCC) (CCC 2338) La persona casta conserva l'integrità delle forze di vita e di amore che sono in lei. Tale integrità assicura l'unità della persona e si oppone a ogni comportamento che la ferirebbe. Non tollera né doppiezza di vita, né doppiezza di linguaggio [Mt 5,37].  

(Prossima domanda: Come si può vivere un amore casto, e cosa ci aiuta a praticarlo?)

Nessun commento: