giovedì 1 giugno 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 405



YOUCAT Domanda n. 405 - Parte I. Come si può vivere un amore casto, e cosa ci aiuta a praticarlo?


(Risposta Youcat) È casto chi è aperto all'amore e non è schiavo delle proprie pulsioni e passioni. Quindi tutto quello che aiuta a diventare una persona matura nelle relazioni, libera e capace di amore, aiuta anche a raggiungere l'amore casto.

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 2339) La castità richiede l'acquisizione del dominio di sé, che è pedagogia per la libertà umana. L'alternativa è evidente: o l'uomo comanda alle sue passioni e consegue la pace, oppure si lascia asservire da esse e diventa infelice [Sir 1,22]. “La dignità dell'uomo richiede che egli agisca secondo scelte consapevoli e libere, mosso cioè e indotto da convinzioni personali, e non per un cieco impulso o per mera coazione esterna. Ma l'uomo ottiene tale dignità quando, liberandosi da ogni schiavitù delle passioni, tende al suo fine con scelta libera del bene, e si procura da sé e con la sua diligente iniziativa i mezzi convenienti” [Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes, 17].   

Per meditare

(Commento Youcat) Si diventa liberi per e capaci di amore solo con l'autodisciplina, che bisogna acquisire, mantenere e conservare in ogni età. Può essere di aiuto in questo senso rimanere fedeli ai comandamenti di Dio, evitare le tentazioni, evitare ogni forma di doppia vita o di  Ipocrisia, pregare Dio di preservarci dalle tentazioni e di rafforzarci nell'amore. Poter vivere un amore puro e indiviso è alla fine una grazia e un dono di Dio.

(Commento CCC) (CCC 2341) La virtù della castità è strettamente dipendente dalla virtù cardinale della temperanza, che mira a far condurre dalla ragione le passioni e gli appetiti della sensibilità umana.   

(Continua la domanda: Come si può vivere un amore casto, e cosa ci aiuta a praticarlo?)

Nessun commento: