Continua ogni giorno il commento alle Letture della Sacra Scrittura, delle sante Messe di tutti i giorni: Domeniche, Solennità, Feste, e giorni feriali.

Spirito e Vita

martedì 11 settembre 2018

Martedì 23ª settimana


Martedì 23ª settimana


S. Paolo continua a correggere errori, peccati e abusi nella Chiesa di Corinto, non solo litigare fra loro, ma anche citare i fratelli davanti ai tribunali e ai giudici pagani. Il Vangelo ricorda Gesù che sceglie e chiama i dodici apostoli.  

Ascoltiamo la Parola di Dio


1Cor 6, 1-11: Fratelli, 1Quando uno di voi è in lite con un altro, osa forse appellarsi al giudizio degli ingiusti anziché dei santi? 2Non sapete che i santi giudicheranno il mondo? E se siete voi a giudicare il mondo, siete forse indegni di giudizi di minore importanza? 3Non sapete che giudicheremo gli angeli? Quanto più le cose di questa vita! 4Se dunque siete in lite per cose di questo mondo, voi prendete a giudici gente che non ha autorità nella Chiesa? 5Lo dico per vostra vergogna! Sicché non vi sarebbe nessuna persona saggia tra voi, che possa fare da arbitro tra fratello e fratello? 6Anzi, un fratello viene chiamato in giudizio dal fratello, e per di più davanti a non credenti! 7È già per voi una sconfitta avere liti tra voi! Perché non subire piuttosto ingiustizie? Perché non lasciarvi piuttosto privare di ciò che vi appartiene? 8Siete voi invece che commettete ingiustizie e rubate, e questo con i fratelli! 9Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adùlteri, né depravati, né sodomiti, 10né ladri, né avari, né ubriaconi, né calunniatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio. 11E tali eravate alcuni di voi! Ma siete stati lavati, siete stati santificati, siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo e nello Spirito del nostro Dio.

Lc 6, 12-19: 12In quei giorni egli se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. 13Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: 14Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, 15Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; 16Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore. 17Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C'era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidone, 18che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. 19Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti. 

Meditiamo con lo Spirito Santo


S. Paolo corregge ancora errori, peccati e abusi della Chiesa di Corinto. Non solo litigi, ma, anche peggio: portare, per interessi mondani, i propri fratelli davanti a tribunali pagani e giudici idolatri, che non hanno autorità nella Chiesa. 
Ciò è peggio dei litigi. Perché far giudicare da persone ingiuste, anziché sagge e capaci di fare da arbitri? Altri fanno ingiustizie e derubano i fratelli. 
Però: ingiusti, immorali, idolatri, adùlteri, depravati, sodomiti, ladri, avari, ubriaconi, calunniatori e rapinatori non entreranno nel Regno di Dio. 
Tutti, quindi, devono lavarsi e santificarsi nel Signore Gesù Cristo e nel suo Spirito Santo.
Nel Vangelo, Gesù, dopo una notte in preghiera, sceglie i dodici Apostoli, continuatori della sua missione di salvezza e redenzione del mondo, con i quali costruisce il suo popolo della Nuova Alleanza
Le folle e le moltitudini che accorrono a lui da ogni parte, per ascoltarlo e farsi guarire, indicano bene la missione che Gesù affida agli Apostoli e alla sua Chiesa: diffondere, fino alla fine dei tempi e agli estremi confini del mondo, l’amore misericordioso di Dio che sana, guarisce e salva. 
Questa volontà del Padre, il Figlio e lo Spirito Santo l’attuano, fondando la Chiesa e chiamando Apostoli e discepoli a collaborare loro.  

Riflessione 


Perché Paolo giudica grave peccato litigare e citarsi tra fratelli davanti a giudici pagani?

Come trascorse Gesù la notte precedente la scelta dei suoi Dodici Apostoli? 

Quale compito affida Gesù ai suoi Apostoli e alla sua Chiesa?

Preghiamo con la Liturgia e la Chiesa 


O Dio, che hai fondato la tua Chiesa sulla fede degli Apostoli, fa’ che le nostre comunità, illuminate dalla tua parola e unite nel vincolo del tuo amore, diventino segno di salvezza e di speranza per tutti coloro che dalle tenebre anelano alla luce”.